FANDOM


« ...poiché il Signore tuo Dio... ...e un "fuoco divoratore" »   (Deut 4.24)

Sebbene siano rari i riferimenti al fuoco celeste o spiritual-divino secondo il significato dell'esegesi ebraica letterale, per esempio nella Qabbalah della religione ebraica sono ampi, sia nel Tanakh sia nel Talmud e nella Torah in genere.

Ne è scritto in merito al Korban, come per esempio sia nel Mishkan, per Mosè ed Aronne, sia per Elia o per il popolo ebraico nella sua interezza; invero pare che nel Pentateuco sia descritto il gran timore di Dio in merito a questa visione profetica, quindi in ambito favorevole ma per Akher pare non sia stato così.

Il fuoco celeste, o spirituale, quindi non comune, viene spesso correlato a grande integrità ed alla luce divina, persino con "sembianze", come descritto in merito agli Heikhalot nel Sefer haZohar.

Non angelo né inviato "divino" quali i profeti ebrei, esso è soprattutto un "fenomeno spirituale di Dio", come la visione della Parola divina ad esempio.

La Torah viene definita metaforicamente "fuoco nero su fuoco bianco", ciò soprattutto nei primordi, ma è cosa differente.

Fonti del PentateucoModifica

In modo concomitante un fuoco discese sul monte e [come] un fumo salì: ciò avvenne soprattutto durante la proclamazione dei dieci comandamenti al popolo ebraico e Mosè, questo sul monte Sinai.

Vedi anche l'articolo "Dieci comandamenti" su It.Nostradamus.Wikia (in italiano)


Mosè ed il timore di Dio del popolo ebraicoModifica

Mosè stesso benedice il popolo ebraico augurandogli di custodire sempre il timore di Dio proprio quando questo gli chiese di intercedere: la magnificenza delle visioni parve troppo grande in un primo momento.

L'offerta di AbeleModifica

Anche Abele fece un'offerta che Dio "gradì" infatti persino per essa un "fuoco" discese dal Cielo e la consumò.

Citazioni del TanakhModifica

Nel Tempio di Gerusalemme, durante il Korban, un fuoco celeste scendeva unitamente all'ardere del fuoco sull'offerta.

Il profeta EliaModifica

Sostenuto e consigliato da Dio, Elia vide l'ostinazione degli adoratori idolatri e dimostrò che Dio gradisce solo offerte devote in fede sincera: un fuoco scese dal "Cielo" e consumò anche le acque poste dal profeta Elia ai piedi dell'altare con l'offerta a Lui gradita.

Nell'Haggadah di PesachModifica

« Allo spuntare dell'alba HaShem "guardò" l'accampamento degli Egizi e lo terrorizzò con "colonne di fuoco" e "densa nube" cosicché si produsse un terribile turbamento... »   (Esodo 14.24)

L'Haggadah di Pesach spiega che Dio nella Shekhinah confuse i più scelti guerrieri egizi antichi con tenebre e distrusse con fuoco proprio quando poi le acque si riversarono su quelli facendoli affondare come un sasso gettato nell'acqua: fu certamente una terribile punizione operata da Dio prodigiosamente e con miracoli e portenti.

Voci correlateModifica

Fonti Modifica




Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale