FANDOM


Piramides Pantiacolla.jpg

Piramidi di Pantiacolla

Le Piramidi di Pantiacolla conosciute anche come Piramidi di Paratoari, sono costituite da 12 monticcioli di origine naturale di approssimativamente 150 metri di altezza rispetto al suolo, sono ubicate nella sponda di sinistra del Madre de Dios (fiume), in Perú.

Ubicazione Modifica

Sono monticcioli stranamente simmetrici, situati tra il torrente Inchipato ed il torrente Paolotoa Chico (denominato anche Rio Negro), affluenti del fiume Madre de Dios nell'omonimo dipartimento peruviano.

Scoperta Modifica

Le piramidi furono identificate inizialmente dal satellite della NASA C-S11-32W071-03 nel 1976. Dopo di ciò alcuni ricercatori di antiche culture pensarono che le piramidi fossero state costruite dall'uomo in tempi antichi e alcuni di essi hanno indicato le piramidi come un centro di energia dove si nascosero alcuni discendenti di Atlantide.

Esplorazioni Modifica

Il primo uomo non indigeno che si avvicinò alle piramidi fu l'esploratore giapponese Sekino, che però non vi poté giungere a causa delle difficoltà ambientali, degli insetti e della folta vegetazione tropicale. Nell'agosto del 1996 l'esploratore statunitense Gregory Deyermenjian fu il primo occidentale a giungere alle piramidi insieme con Paulino Mamani, Dante Núñez del Prado, Fernando Neuenschwander, Ignacio Mamani, e il Machiguenga "Roberto".Gregory Deyermenjian descrisse le piramidi come formazione di sabbia dura naturali.

Bibliografia Modifica

  • Tips & Notes" section of South American Explorer journal, No. 54, Winter 1998, page 46, "Seeing Dots" (update concerning "the Dots" and Deyermenjian's follow-up to the SAE articles of the 1970s).
  • Gregory Deyermenjian, "The Search for the Lost Pyramids of Peru: My Dash to the Dots" in World Explorer, Vol. 2 No. 3, 1998.
  • "Ursula Thiermann," "Dots Dots Dots" in South American Explorer journal, Vol. 1 No. 4, April 1979.
  • "Ursula Thiermann," "Dots Update," in South American Explorer journal, Vol. 1 No. 2, March 1978.
  • "Ursula Thiermann," "The Dots of Pantiacolla," in South American Explorer journal, Vol. 1 No. 1, October 1977.

Note Modifica


Collegamenti esterni Modifica




Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale