Fandom

Nostradamus Wiki

Ron Paul

817pagine in
questa wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Condividi
(in inglese)
« Restore America Now »
(IT)
« Fai subito guarire l'America »
(Il motto della campagna presidenziale 2012 di Ron Paul)


Ronald Ernest "Ron" Paul ([Pittsburgh], 20 agosto 1935) è un politico e medico ginecologo statunitense.

Ron Paul star.jpg

Ron Paul - 2010

Posizioni politicheModifica

Il senatore repubblicano Ron Paul è un esponente eminentissimo della corrente libertaria e non-interventista del Partito Repubblicano, è membro della Camera dei Rappresentanti avendo conseguito il suo mandato congressuale presso il XIV collegio distrettuale del Texas e presiede la commissione Affari Monetari della Camera.[1] Eletto per la prima volta al Congresso degli Stati Uniti nel 1976 per poi tornare alla pratica medica nel 1985, venne nuovamente rieletto alla Camera dei Rappresentanti solo nel 1996 ripresentandosi ancora nelle fila del Partito Repubblicano. Diventato membro del Republican Liberty Caucus, Ron Paul venne riconfermato durante tutte le successive elezioni.

Strenuo oppositore del gruppo di pressione neocon all'interno del Partito Repubblicano[2][3] e delle politiche dell'amministrazione federale particolarmente in materia di economia, affari esteri e libertà civili, Ron Paul è conosciuto nell'ambito parlamentare statunitense con i soprannomi di "Mister No"[4][5] e "Dr. No"[6][7][8] a causa di tutti i suoi voti negativi nei confronti di atti e proposte legislativi che vadano contro i principii della Costituzione degli Stati Uniti e come "Il campione della Costituzione" per il medesimo motivo.[9][10][11]

Famoso per essere uno dei congressisti più attivi e con più progetti di legge bipartisan, in politica monetaria è da sempre fautore del ripristino del sistema aureo e dell'abolizione della Riserva Federale (da lui ritenuta organo incostituzionale). Autore di numerosi libri di successo tra cui End the FED. Abolire la Banca Centrale[12] e The Revolution: A Manifesto, fu uno dei candidati per le elezioni presidenziali del 1988 e del 2008 ed è tra i contendenti repubblicani alle prossime elezioni presidenziali del 2012.[13]

Anni giovanili e istruzioneModifica

Ron Paul nacque a Green Tree, in Pennsylvania, figlio di Margaret "Peggy" Paul e Howard Caspar Paul.[14] Paul fu il terzo di cinque figli nati negli anni seguenti alla Grande depressione, e divise per anni la sua camera con i fratelli William, David, Jerrold e Wayne.

Paul iniziò a lavorare fin da giovanissimo all'Harold's Diary,[15] successivamente scrisse su un giornale, lavorò in una bottega, e vendette il latte (un suo cliente fu il famoso giocatore di baseball Honus Wagner).

Molto bravo in atletica leggera, si diplomò al Dormont High School nel 1953 con lode. Fu anche un ottimo wrestler, giocatore di football, di baseball, nonché presidente del consiglio studentesco del suo liceo.

Dopo essersi iscritto al Gettysburg College, ricevette una borsa di studio; in quegli anni diresse il bar del college, e gareggiò nella squadra di nuoto. Entrò a far parte della Lambda Chi Alpha,[16] e nel 1957 ottenne il Bachelor in biologia.[17]

Matrimonio e famigliaModifica

Durante la permanenza alla Dormont, Carol Wells invitò Ron Paul alla festa per il suo sedicesimo compleanno, successivamente, dopo gli anni del college, Paul chiese a Carol di sposarlo, il matrimonio si celebrò il 1º febbraio 1957 nella chiesa presbiteriana di Dormont davanti a 300 ospiti.[18][19]

Da questo matrimonio sono nati cinque figli (Ronald "Ronnie" Paul Jr., Lori Paul Pyeatt, Randall "Rand" Paul, Robert Paul, Joy Paul-LeBlanc), figli dai quali ebbero diciotto nipoti e un pronipote;[20] tre dei cinque figli di Ron, precisamente Robert, Joy e Rand, fanno a loro volta i medici.

Fu Ron Paul a sostenere interamente i costi per l'educazione dei figli, rinunciando ai finanziamenti federali perché provenienti da tasse, lo stesso motivo che spinge Ron Paul a rinunciare annualmente alla pensione congressuale che gli spetterebbe di diritto.[21][22]

Carriera militare e medicaModifica

Nel 1961 conseguì la laurea in medicina alla Duke University School of Medicine, nello stesso anno iniziò l'internato presso l'Henry Ford Hospital di Detroit, dove si trasferì insieme alla moglie Carol.

La sua prima esperienza da dottore venne però bruscamente interrotta dall'aggravarsi della crisi di Cuba e dalla chiamata alle armi nei ranghi dell'aeronautica militare americana dove entrò a far parte del corpo medico di stanza presso la base aerea di Kelly in San Antonio fino a raggiungere il grado di capitano medico, conseguendo nel contempo il brevetto di volo.

Successivamente venne distaccato presso ospedali militari in basi situate in Corea del sud, Iran, Etiopia e Turchia come medico otolaringoiatra. Paul rimase sotto le armi fino al 1965. La sua esperienza di medico militare, nel corso della quale sottopose ad esami di idoneità al volo numerosi aspiranti piloti di elicotteri, molti dei quali in seguito trovarono la morte in Vietnam, ebbe un'influenza rilevante sulle sue idee anti-interventiste in materia di politica estera.

Nel 1964, mentre risiedeva a San Antonio, appoggiò la candidatura del repubblicano Barry Goldwater alla presidenza degli Stati Uniti.

Nel 1965 entrò a far parte della Guardia Nazionale Aerea del Texas, dove rimase fino al 1968.

Successivamente andò a terminare il suo internato nella Università of Pittsburgh, cambiando la sua specializzazione in ostetricia e ginecologia. I risultati della sua ricerca sulle patologie ematiche delle partorienti, portata avanti durante la sua "residency", verranno pubblicati nella rivista medica Obstetrics and Gynecology. Terminata la specializzazione si trasferì a Surfside Beach, in South Carolina, per poi spostarsi a Lake Jackson, in Texas, rilevando lo studio di un dottore che andava in pensione.

Paul si trovò ad essere l'unico ginecologo della contea di Brasoria, dove in media aiutò a nascere 40-50 bambini al mese, oltre a compiere spesso interventi chirurgici. Diventò noto per il fatto di offrire spesso la propria opera gratuitamente ai pazienti poveri, e di concordare sconti o pagamenti rateali per coloro che non potevano permettersi cure essenziali ma costose[23].

Posizioni politicheModifica

Le posizioni politiche di Ron Paul si possono facilmente ritrovare nel solco della Scuola austriaca e dei grandi autori libertari, come Von Hayek, Von Mises, e soprattutto Murray Rothbard.

La sua candidatura del 1988 nel Libertarian Party sta proprio a dimostrare queste sue caratteristiche tipiche del liberismo di destra che certamente non rientrano nella consuetudine del Partito Repubblicano degli ultimi decenni.

Politiche economiche e socialiModifica

Le idee economiche di Paul si ispirano principalmente alla Scuola austriaca e al libertarianismo, che lo fanno propendere verso posizioni liberali estreme, a favore di un totale libero mercato, di una bassa, se non nulla, tassazione, cancellazione di ogni sovvenzione e assistenzialismo.

Propone la cancellazione di ogni tassazione sul reddito e un taglio radicale delle spese militari. Da questa sua posizione nasce il suo soprannome spesso citato da lui stesso, ossia Taxpayer's Best Friend (il miglior amico del contribuente).

Il 15 giugno 2007 ha presentato alla Camera dei Rappresentanti la H.R. n° 2755[24] ovverosia la "Legge per abolire il Consiglio dei Governatori del Sistema della Riserva Federale e della Banca della Riserva Federale, per abrogare la Legge sulla Riserva Federale e per altri scopi" con l'obiettivo di ristabilire le prerogative della politica monetaria così come descritte dalla Costituzione degli Stati Uniti, la quale stabilisce che il Congresso coni i soldi e batta la moneta (Articolo I, Sezione 8, Comma 5) e che i debiti degli Stati Uniti siano depositati in oro e argento (Articolo I, Sezione 10, Comma 1).

Nel gennaio 2008 Ron Paul ha realizzato l'economic revitalization plan[25] nel quale vengono proposte una serie di riforme radicali inerenti all'economia, dall'eliminazione della tassazione diretta, alla diminuzione della spesa pubblica, passando per una riforma monetaria finalizzata a restituire la parità aurea alla moneta, tese a rilanciare e a incrementare la prosperità statunitense.[26][27]

Dal punto di vista monetario è favorevole a ritornare al sistema aureo. Tuttavia, secondo Ron Paul, ciò dovrebbe avvenire senza imposizioni da parte del governo bensì attraverso la libera concorrenza valutaria e il ripristino dei principii del free banking. Si tratterebbe pertanto di abolire la caratteristica del dollaro come unica divisa ufficiale statunitense a corso legale e conseguentemente permettere a privati ed enti di emettere loro valuta in un quadro preciso di regole. In questo modo la fine del monopolio sulla emissione della divisa detenuto dalla Riserva Federale dovrebbe portare naturalmente alla scelta, da parte del cittadino, del sistema monetario migliore e maggiormente affidabile, che secondo Ron Paul consiste nel sistema monetario aureo. A tal proposito nel marzo 2011 Ron Paul ha presentato la H.R. n° 1098[28] ovverosia la "Legge sulla libera concorrenza della valuta" nella quale viene abolita ogni restrizione ostativa alla monetazione privata, tra cui le tasse sul possesso e la circolazione di oro e argento.[29]

È inoltre favorevole ad ogni cancellazione di regolamentazioni in tema di mercato, e al ritorno di un governo centrale debole, nel solco dello Stato minimo tipicamente miniarchico.

Politica esteraModifica

Ron Paul è per il non-interventismo: vorrebbe il ritiro di tutte le truppe statunitensi presenti in Medio Oriente, in Europa e in ogni altra parte del mondo.

Nel solco della tradizione libertaria egli è favorevole al neutralismo in politica estera, sostenendo che esso sia garanzia di prosperità economica e sviluppo nella libera circolazione delle merci, una posizione che può essere sintetizzata con il celebre motto di Thomas Jefferson "commercio con tutte le nazioni, alleanza con nessuna".[30] A tal proposito Ron Paul ha proposto la fine della politica statunitense di embargo contro Cuba.[31][32][33]

In merito ai rapporti con Israele Ron Paul ha dichiarato di considerare esso come un semplice partner al pari degli altri Paesi di quella regione, proponendo la cancellazione di ogni sovvenzione verso lo stato ebraico così come verso ogni altra nazione.

È contrario sia al NAFTA sia all'integrazione statale con il Messico, sostenendo che ambedue possano potenzialmente provocare una enorme ondata migratoria e una cessione impropria di sovranità e indipendenza a favore di élites tecnocratiche non controllabili dal popolo.

È inoltre per l'uscita degli Stati Uniti da tutte le organizzazioni sovranazionali, quali ONU, NATO, WTO e FTAA.

Politica internaModifica

Ron Paul ha criticato apertamente tutte le decisioni, lesive delle libertà individuali, intraprese dall'amministrazione federale. In questo senso si è sempre opposto al Patriot Act proponendone più volte la totale abrogazione in favore del ripristino dell'habeas corpus conculcato dalle leggi anti-terrorismo.

Sempre in difesa delle libertà individuali propone il ridimensionamento, se non la cancellazione, di apparati come FBI, CIA e Homeland Security.

È per la libera circolazione di persone e capitali ma si oppone all'immigrazione clandestina proponendo altresì l'impiego del personale militare, da ritirare dai teatri di guerra, nella salvaguardia delle frontiere degli Stati Uniti. È favorevole all'abolizione della cittadinanza per nascita ("ius soli"), poiché secondo Ron Paul molti stranieri clandestini ne approfittano per far nascere i propri figli in USA solo per avere la cittadinanza.

Nonostante sia un libertario, è sempre stato oppositore dell'aborto e si batte per far sì che il concepimento venga riconosciuto come momento di inizio della vita umana. Ha tuttavia dichiarato che le leggi sul divieto di aborto dovrebbero essere delegate ai singoli stati e non alle istituzioni federali. È contrario sia all'eutanasia attiva sia all'accanimento terapeutico. Ha votato contro la concessione dei finanziamenti federali alla ricerca sulle cellule staminali embrionali.

È favorevole alla legalizzazione della prostituzione e delle droghe leggere (in questa ottica si è infatti schierato apertamente contro la War on Drugs degli ultimi decenni) ritenendo inoltre che la tossicodipendenza sia un problema di carattere non criminale bensì clinico (cioè medico) e pertanto come tale vada affrontato.

È contrario ad ogni restrizione sull'uso e sul porto delle armi a scopo difensivo, che considera parte del diritto costituzionale alla sicurezza personale.

Vorrebbe l'abolizione della pena di morte, sia a livello federale sia nei singoli Stati, perché, a suo parere, essa viene applicata solo a coloro che non hanno la possibilità di difendersi pagando un costoso avvocato.

È per un federalismo spinto: secondo Ron Paul sia l'istruzione sia il sistema pensionistico sia la politica sanitaria e, più in generale, qualunque altra materia che non sia espressamente demandata all'amministrazione federale in calce alla Costituzione, non sono di competenza federale e pertanto devono essere i singoli Stati a occuparsene e non il governo USA. Di conseguenza egli propone l'abolizione di tutti quei dipartimenti, enti e agenzie federali che, secondo Ron Paul, sono da considerarsi incostituzionali tra cui il Dipartimento dell'Istruzione, l'Ente federale per la gestione delle emergenze e la TSA (Transportation Security Administration) della quale invoca la dismissione attraverso la privatizzazione.[34][35][36][37][38]

Prima carriera congressualeModifica

Fin da giovane Ron Paul fu influenzato dalle teorie economiche del Nobel Friedrich von Hayek, dagli scritti di Ayn Rand e Ludwig von Mises, e dagli studi dell'economista Murray N. Rothbard, in sintesi Ron Paul abbracciò totalmente la Scuola Austriaca. Il 15 agosto 1971, quando il presidente degli Stati Uniti Richard Nixon abolì il sistema aureo, slegando di fatto il dollaro dall'oro, Ron Paul disse che tutto ciò che la Scuola Austriaca aveva predetto si era realizzato e decise di entrare in politica.[39]

CampagneModifica

Nel 1974, in piena crisi monetaria, dovuta in parte anche alle folli spese della Guerra del Vietnam, e in piena inflazione, Ron Paul divenne un delegato alla Texas Republican Convention e si candidò per la Camera dei Rappresentanti. Venne battuto dall'allora rappresentante democratico dell'22º distretto del Texas, Robert R. Casey. Successivamente Casey venne messo dal presidente Gerald Ford a capo della Federal Maritime Commission.

Nell'aprile del 1976 Paul vinse le elezioni contro il democratico Robert Gammage, vittoria che venne poi confermata nelle elezioni del 1978, 1980 e 1982.

Ron Paul fu il primo rappresentante repubblicano di quell'area.[40]

Paul oltre al lavoro da rappresentante, continuò a svolgere il suo ruolo di ostetrico in determinati giorni della settimana. Nel 1976 Paul fu uno dei pochi rappresentanti repubblicani a sostenere la candidatura di Ronald Reagan contro il presidente Gerald Ford.

Camera dei rappresentantiModifica

Ron Paul fu il primo negli anni '70 a proporre limiti temporali alle elezioni del congresso, e fu uno dei pochi a rinunciare fin dall'inizio all'indennità congressuale.

Quando, nel 1980, il presidente Jimmy Carter propose la restaurazione della leva obbligatoria, sostenuto anche dai vertici del Partito Repubblicano, Ron Paul si oppose fermamente, anche al suo stesso partito, definendo inconsistente e sbagliata questa proposta.

Entrò successivamente a far parte della House Banking Committee, ovvero la commissione finanza della camera dei rappresentanti. Durante questo periodo attaccò duramente la federal Reserve denunciandola come vera causa dell'inflazione crescente negli Stati Uniti,[41] e successivamente, nel 1982, nacque su idea di Paul e di Jesse Helms la U.S. Gold Commission, le conclusioni di Ron Paul vennero pubblicate dal Cato Institute nel libro The Case for Gold, oggi scaricabile dal sito del Ludwig von Mises Institute.

Dal 1978 al 1982 il capo dello staff di Ron Paul fu Lew Rockwell, noto libertario americano.

Nel 1984 Paul decise di correre per il Senato degli Stati Uniti, ma perse le primarie repubblicane contro Phil Gramm, decise allora di tornare ad occuparsi a tempo pieno di medicina, e venne succeduto alla Camera dei Rappresentanti da Tom DeLay.

Nel suo discorso di addio alla Camera dei Rappresentanti disse:

« Interessi specifici hanno sostituito gli importanti ideali che i Padri fondatori avevano instaurato per il bene comune. Il commercio dei voti è visto come buona politica, la mentalità degli arrivisti è ordinaria e la difesa della libertà è vista in modo bizzarro. È molto difficile per una persona che ama la vera libertà e detesta completamente il potere dello Stato venire a Washington per un determinato periodo di tempo e non diventare un cinico.[42] »

Seconda carriera congressualeModifica

Nel 1996 Paul venne rieletto alla Camera dei Rappresentanti sconfiggendo il democratico Greg Laughlin, grazie anche all'appoggio di personaggi importanti, non solo politici, statunitensi come Nolan Ryan e Steve Forbes,[43] e nonostante il contrasto di uomini politici importanti come l'allora governatore del Texas, e l'ex presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, e lo speaker della camera bassa, Newt Gingrich.

Campagne successiveModifica

Nel 1998 e nel 2000 Ron Paul dovette lottare per il mantenimento del ruolo congressuale con il democratico Loy Sneary. Paul accusò Sneary di aver votato a favore dell'aumento del 5% del proprio stipendio da congressista e di aver aumentato in un anno i voli di stato del 400%: Paul vinse entrambe le campagne.

Tra il 2001 e il 2003 venne firmata una petizione online da tutti i sostenitori di Ron Paul, che chiedevano la sua candidatura per le elezioni presidenziali del 2004, stessa richiesta che venne fatta da movimenti indipendenti. L'11 dicembre 2001 Ron Paul dichiarò che non si sarebbe candidato per le presidenziali del 2004, ma che avrebbe partecipato alla nomination repubblicana nel 2008.

Paul ha continuato ad essere rieletto. Nel 2011 è iniziato il suo dodicesimo mandato in qualità di congressista.

AffiliazioniModifica

Ron Paul fa parte della Commissione Affari Esteri della Camera, dove si interessa prevalentemente della zona pacifica e dell'Asia, e presiede la Commissione Affari Monetari della Camera nella quale egli si occupa di politica monetaria.[44][45]

Paul è un membro onorario e di punta dell'organizzazione affiliata al Partito Repubblicano denominata Republican Liberty Caucus, associazione politica di ispirazione libertaria, che persegue l'assoluta difesa dei diritti individuali, governo limitato, e libero mercato.[46]

Fa inoltre parte del Liberty Committee,[47] un'organizzazione liberale bipartisan, ed è fondatore del Congressional Rural Caucus.

Paul è rimasto in buoni rapporti con il Libertarian Party e nel 2004 partecipò alla sua convention.[48] Sempre nel 2004 sostenne il candidato del Costitution Party, Michael Peroutka.

Azioni in CongressoModifica

Ron Paul ha fatto parte di un gruppo congressuale bipartisan che ha mosso dure accuse all'allora presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, in merito alla sua conduzione della guerra del Kosovo. Questo gruppo accusava Clinton di non aver informato in tempo reale il Congresso sullo svolgimento degli eventi bellici, e di non aver rispettato la costituzione statunitense dove dice che ogni dichiarazione di guerra può essere fatta solo dal Congresso.

Il Congresso bocciò la dichiarazione di guerra con la Jugoslavia con 427 voti, contro 2 soli voti favorevoli, inoltre l'assemblea votò per negare il supporto aereo per la campagna in Kosovo.

Nonostante la decisione del Congresso la guerra iniziò grazie ad una sentenza di un guidice federale che sconfessò in pratica il Congresso.

Ron Paul disse che questa decisione aggirò totalmente la costituzione, e che il presidente degli Stati Uniti ormai avesse il potere di dichiarare guerra a prescindere dal consenso del Congresso.[49]

Campagna presidenziale del 1988Modifica

Vedi anche l'articolo "Elezioni_presidenziali_statunitensi_del_1988" sulla Wikipedia in italiano


Ron Paul si candidò alle presidenziali del 1988 nelle file del Partito Libertario, dopo aver vinto le primarie del partito. Fortemente critico nei confronti del presidente Ronald Reagan e del suo vice George H. W. Bush per via del deficit enorme accumulato durante quella presidenza, arriva terzo accumulando 431.750 voti (0,47%), dietro il vincitore repubblicano George H. W. Bush (53,4%) e il democratico Michael Dukakis (45,6%).

Come maggiore rappresentante del Libertarian Party, Ron Paul riuscì ad aumentare molto i consensi intorno alle posizioni da lui prese su vari argomenti, come tassazione, aborto e politica estera. Molti dei sostenitori del 1988 hanno poi sostenuto di nuovo Paul nella campagna presidenziale del 2008.

Il segretario della campagna elettorale paulista, Kent Snyder, è lo stesso che seguì la campagna del 1988, quando si sentì dire dal senatore John McCain "Tu stai lavorando per l'uomo più onesto del Congresso".[50]

Dopo le elezioni Ron Paul fondò il think tank FREE (Foundation for Rational Economics and Education),[51] pubblicò diversi saggi e continuò la sua attività medica fino al ritorno in Congresso del 1996.

Campagna presidenziale del 2008Modifica

Vedi anche l'articolo "Elezioni_presidenziali_statunitensi_del_2008" sulla Wikipedia in italiano


Il 19 febbraio 2007, Ron Paul ha creato un comitato esplorativo in vista di un'eventuale candidatura alle presidenziali del 2008. Il 12 marzo 2007 ha annunciato la sua candidatura alla Presidenza degli Stati Uniti e quindi la sua intenzione di competere per la candidatura repubblicana.

L'avvenimento più importante della sua campagna elettorale, certamente quello che lo ha fatto conoscere al grande pubblico, è avvenuto il 9 ottobre 2007: durante un dibattito fra tutti gli aspiranti candidati repubblicani sull'importante network americano CNBC, ha creato molto imbarazzo e disagio tra i suoi avversari su temi cruciali, soprattutto in politica estera. A seguito di questo intervento i sondaggi arrivati alla CNBC sul vincitore del dibattito davano Ron Paul come vincitore assoluto con il 75% dei voti, creando ulteriore disagio nell'establishment repubblicano.

Raccolta fondiModifica

Ron Paul nella sua campagna elettorale punta moltissimo alla raccolta di fondi da donazioni volontarie individuali (ha raccolto dai soldati americani più donazioni lui da solo che tutti i candidati repubblicani e democratici), il suo obiettivo e del suo entourage è quota 12 milioni (obiettivo raggiunto e ampiamente superato), quota ritenuta indispensabile per cercare davvero la vittoria alla primarie del partito e alle presidenziali.

In una sola giornata, il 5 novembre 2007, è riuscito a raccogliere 4,2 milioni di dollari, record storico di donazioni giornaliere di tutti gli Stati Uniti.

Nella giornata del 30 novembre 2007 raggiunge la doppia cifra, toccando i 10 milioni di dollari, prima addirittura della tabella di marcia.

Nel solo mese di novembre, tra cui spicca certamente il moneybomb del 5 novembre,[52] è riuscito ad accumulare circa 7 milioni di dollari, primo fra tutti i candidati alle presidenziali.

Il 16 dicembre 2007, ovvero nel 234º anniversario del Boston Tea Party, Ron Paul è riuscito a raccogliere quasi 6,3 milioni di dollari, record assoluto di donazioni giornaliere negli Stati Uniti,[53][54] raggiungendo quota 18 milioni totali, ma soprattutto, creando molto stupore intorno a sè, in primis fra i media internazionali.

Nella giornata del 21 gennaio 2008, ovvero nel Martin Luther King Day, due settimane prima del Super Tuesday, si è svolto il terzo moneybomb della campagna elettorale di Ron Paul. in una sola giornata sono stati raccolti poco meno di 2 milioni di dollari, un risultato molto buono che permette a Paul di raccogliere fondi molto utili per il Super Tuesday che si terrà il 5 febbraio.[55]

Il 1º febbraio 2008, in occasione del 51º anniversario di nozze di Ron e Carol Paul, si è tenuto l'ennesimo moneybomb. La somma delle donazioni di quel giorno è stata di poco superiore al milione di dollari, ossia il quarto risultato migliore della campagna fondi di Ron Paul.[56]

Sondaggi per il 2008Modifica

Il primo sondaggio dove possiamo trovare Ron Paul viene pubblicato il 17 maggio del 2007 da Zogby International, un'importante agenzia di sondaggi americana, dove il candidato si piazza al 3%. Da maggio in poi i sondaggi continuano a vedere Paul in continua ascesa, sia negli Stati a lui vicini, dove tocca punte del 6-7%, che a livello nazionale, dove a novembre l'agenzia sondaggistica Rasmussen lo piazza al 6%.

Il 13 novembre un sondaggio commissionato dal New York Times dà Ron all'8% nello stato del New Hampshire, sopra due candidati come Fred Thompson e Mike Huckabee.

Durante il mese di novembre la Zogby conduce un particolare sondaggio telefonico, nel quale sottopone agli intervistati Template:Chiarire senza dirne il nome: Ron Paul è l'assoluto vincitore di questo sondaggio con il 33% delle preferenze.

Recenti sondaggi lo danno in terza posizione in Iowa e Delaware, ovvero negli Stati dove prenderanno il via le elezioni primarie del Partito Repubblicano.

Il 21 dicembre Zobgy International, in un resoconto della situazione dei vari candidati del Partito Repubblicano in vista del caucus in Iowa del 3 gennaio 2008, ha dato una visione molto ottimista per Ron Paul, considerandolo come la grande sorpresa di queste elezioni, sostenendo che potrebbe arrivare alla doppia cifra.

Il 5 gennaio 2008, due giorni dopo i caucus in Iowa, un sondaggio condotto da Rasmussen sulle primarie in New Hampshire mette Paul in terza posizione con il 14% dei voti, dietro solo John McCain (31%) e Mitt Romney (26%),[57] mentre altri sondaggi, sempre nel New Hampshire, danno a Paul una media del 10% di voti, in lotta quindi per il terzo posto con Mike Huckabee e Rudolph Giuliani.

Nei giorni immediatamente precedenti alle primarie in Michigan vari sondaggi danno a Ron Paul una forbice di preferenze tra il 6% e il 9%, piazzandolo in quarta posizione, davanti a Rudolph Giuliani.

Si può notare che la sua campagna elettorale ha visto la sua popolarità accrescersi continuamente.

La popolarità in internetModifica

800px-RPRlogo.jpg

Simbolo della Ron Paul Revolution

Ron Paul è tra i candidati dei due partiti il più seguito in internet dove molti sondaggi online lo danno come vincitore assoluto.

Secondo Google Zeitgeist 2007,[58] Ron Paul è il candidato più cercato sul famoso motore di ricerca fra il luglio e l'ottobre del 2007.

Campaign for LibertyModifica

La Ron Paul's Campaign for Liberty (Campagna per la Libertà di Ron Paul) è un'organizzazione politica fondata da Ron Paul. Tale associazione è la naturale continuazione della campagna presidenziale di Paul in occasione delle elezioni del 2008. È anche chiamata C4L.

La sua nascita, avvenuta il 10 giugno 2008, è stata annunciata ufficialmente il 12 luglio dello stesso anno, in concomitanza con lo stop della campagna presidenziale di Ron Paul. Il motto di tale organizzazione è: The Revolution Continues... (La Rivoluzione Continua...).

Ombre su Ron PaulModifica

La censuraModifica

Da molte parti si sono levate in questi ultimi mesi forti accuse di censura nei confronti di Ron Paul da parte dei mass media americani.

Sembrerebbe una conferma di ciò l'esclusione di Ron Paul, da parte di Fox News, dal dibattito tra i candidati repubblicani del 6 gennaio 2008, nonostante egli fosse dato da tutti i sondaggi come uno dei protagonisti certi delle primarie in New Hampshire, che si sarebbero svolte due giorni dopo. Proprio questa scelta del network ha scatenato le ire dei sostenitori di Ron Paul, che hanno subissato di email la sede della Fox[59].

Inoltre, nel dibattito in Florida del 28 novembre 2007, molti sostenitori del candidato libertario hanno sottolineato il fatto che, a loro modo di vedere, Paul sarebbe stato poco inquadrato e totalmente, o quasi, escluso dal dibattito.

Il 19 gennaio durante gli scrutini dei caucus in Nevada, caucus dove Paul è arrivato sorprendentemente secondo con il 14% dei voti, la Fox, uno dei maggiori network statunitensi, nella grafica riassuntiva delle posizioni ha tralasciato di inserire il candidato libertario che in quel momento era terzo a pari merito con John McCain, inserendo invece Mike Huckabee che era all'8% e in quarta posizione[60].

Alla vigilia del Super Tuesday, il popolare quotidiano statunitense Daily Mirror, ha pubblicato un articolo dove spiegava le posizioni dei vari candidati, in cui mancava però il candidato Ron Paul ed era invece presente il già ritirato Rudy Giuliani[61].

Minacce alla sua vitaModifica

Il 23 dicembre 2007 il giornalista investigativo Daniel Estulin ha dichiarato che, da fonti abbastanza sicure, sarebbe venuto a conoscenza di un presunto progetto teso all'uccisione di Ron Paul, per via dei temi e del programma portato dal candidato repubblicano alle elezioni, che se attuati, cambierebbero radicalmente l'assetto economico e geopolitico statunitense e non solo, intaccando inevitabilmente gruppi di potere molto forti[62].

Dubbi sulle elezioniModifica

Nei giorni successivi al caucus in Iowa tenutosi il 3 gennaio 2008, che ha visto Paul piazzarsi al quinto posto con il 10%, sono apparse, su molti siti di sostegno per il candidato repubblicano, delle notizie riguardo possibili sabotaggi che avrebbero fatto perdere molti voti a Paul in Iowa[63].

Voci di vere e proprie frodi si sono diffuse il giorno successivo alle votazioni in New Hampshire. Secondo varie fonti, in molte contee dello Stato americano sarebbero spariti voti per il candidato libertario, voti che avrebbero permesso a Paul di scalare la classifica e arrivare fino al terzo posto[64][65][66][67].

L'11 gennaio, dopo il ricorso presentato da un candidato del Partito Repubblicano (Albert Howard) e uno del Partito Democratico (Dennis Kucinich), il Segretario di Stato del New Hampshire, William Gardner, ha annunciato in una conferenza stampa che, a partire da mercoledì 16 gennaio, sarebbe ricominciato il ricontaggio manuale di tutte le schede votate nelle elezioni primarie dello Stato[68][69].

Nei giorni successivi ai caucus in Louisiana si sono levate voci di protesta in merito all'assegnazione dei delegati, sia dai sostenitori di Paul che dallo stesso staff del candidato.

Campagna presidenziale del 2012Modifica

Ron Paul è candidato per la nomina del Partito Repubblicano alla presidenza degli Stati Uniti nelle elezioni del 2012.

A partire dal 2010 ci fu la speculazione tra esperti e giornalisti circa la prospettiva di Ron Paul ad una nuova corsa per la presidenza nel 2012.[70][71]

Il 12 febbraio 2012 nella conferenza annuale dei conservatori americani (Conservative Political Action Conference) presso New Orleans, in un tradizionale vote test, gli elettori repubblicani eleggono per il secondo anno consecutivo Ron Paul come prima scelta di candidato repubblicano alle presidenziali del 2012. Questo voto informale, detto 'Straw poll'('voto di paglia') è il primo grande sondaggio per i conservatori nella corsa alle presidenziali del 2012. Ron Paul è stato scelto dal voto di una platea di quasi 4.000 persone.[72][73]

Il 21 febbraio 2011, viene avviata una raccolta di fondi tra i suoi sostenitori con lo scopo di influenzare la decisione di Ron Paul a candidarsi alla presidenza nel 2012. Il risultato di questa raccolta è di oltre 700.000 dollari in 24 ore.[74]

Nel marzo 2011, Ron Paul vince lo straw poll tenutosi presso i Tea Party Patriots a Phoenix in Arizona.[75]

Il 14 aprile 2011, Ron Paul annuncia la formazione di un gruppo di lavoro per decidere se entrare ufficialmente nella gara entro e non oltre maggio.[76][77]

Il 26 aprile, 2011, ha formalmente annunciato, a Des Moines in Iowa, la formazione di un comitato esplorativo ufficiale alla campagna per la nomination presidenziale repubblicana nel 2012.[78][79]

Ha partecipato al primo dibattito presidenziale repubblicano il 5 maggio 2011.[80], nello stesso giorno, ha svolto un'altra raccolta di denaro[81] ottenendo oltre 1 milione di dollari di donazioni nel giorno del dibattito.[82]

Il 13 maggio 2011, in una trasmissione nazionale della ABC Good Morning America, Ron Paul ha formalmente annunciato la sua candidatura per la nomination repubblicana alle elezioni presidenziali del 2012.[83]

Il 18 giugno 2011, in occasione della Conferenza per la leadership repubblicana tenutasi a New Orleans, Louisiana, Ron Paul ha vinto lo straw poll con quasi il 40 per cento dei voti totali.[84]

Nel luglio 2011 sono iniziate in New Hampshire, Iowa e Nevada[85] le trasmissioni della prima pubblicità radiotelevisiva della campagna presidenziale 2012 di Ron Paul.[86]

Il 14 agosto 2011 Ron Paul si è classificato secondo all'Ames Straw Poll dell'Iowa con 4671 voti (ovverosia il 27,6% delle preferenze) subito dietro ai 4823 voti (ovverosia il 28,5% delle preferenze) conseguiti da Michele Bachmann, nativa dell'Iowa. La differenza tra i due è stata di 152 voti cioè dello 0,9%.[87][88][89] In termini assoluti Ron Paul si è piazzato quarto come numero di voti ricevuti durante tutta la pluridecennale storia degli Ames Straw Poll.

Il 17 settembre 2011, durante la convention repubblicana della California, Ron Paul ha affermato che gli USA dovrebbero ritirarsi dalla NATO.[90][91]

Il 18 settembre 2011 Tom Del Beccaro, presidente del Partito Repubblicano della California, ha annunciato[91] la vittoria di Ron Paul[92] agli straw poll californiani tenutisi durante la convention repubblicana autunnale dello Stato.[93] Ron Paul ha conseguito il 44,9% dei voti davanti a Rick Perry, secondo con il 29,3%, Mitt Romney, terzo con l'8,8%, e Michele Bachmann, quarta con il 7,7%.[94] Nella raccolta fondi chiamata "Constitution Day Money Bomb", promossa dai sostenitori del candidato repubblicano e tenutasi durante le medesime ore dello straw poll californiano, Ron Paul ha superato il milione di dollari complessivi ottenuti grazie alle donazioni elargite via internet da più di 18000 contribuitori.[95][96][97][98] All'annuncio dei risultati, i delegati presenti alla convention californiana hanno iniziato a intonare lo slogan: "President Paul, President Paul".[99] Complessivamente Ron Paul ha ricevuto più voti di quelli del secondo e del terzo classificato messi insieme.[93]

NoteModifica

  1. http://archiviostorico.corriere.it/2011/agosto/17/Ron_Paul_regno_del_dollaro_co_8_110817007.shtml
  2. Discorso di Ron Paul sui neocon
  3. Chi è Carriera Ron Paul, classe 1935, di professione medico, è deputato repubblicano del Texas. Oppositore della destra «neocon»
  4. Ron Paul, alias “Mister No”, per la sua testardaggine nel votare contro qualsiasi legge che violi anche lontanamente i principi della Costituzione americana
  5. «Mister No», ron Paul: «Non mi viene in mente una sola cosa giusta che abbia fatto Obama per l'economia»
  6. Ron Paul: From Dr. No to Tea Party Godfather
  7. Ron Paul: From Dr. No to Tea Party Godfather
  8. Dr. No
  9. The Champion of the Constitution
  10. http://www.buffalonews.com/city/politics/article513767.ece
  11. http://www.thenewamerican.com/usnews/politics/8526-ron-paul
  12. Presentato in Italia l'ultimo libro di Ron Paul intitolato End the Fed. Abolire la Banca Centrale
  13. Ron Paul, candidato alle presidenziali 2012 per il Partito Repubbicano
  14. Gli antenati di Ron Paul
  15. Articolo su Paul e sulla sua vita giovanile
  16. Iscrizione al Lambda Chi Alpha di Ron Paul
  17. Articolo su Ron Paul
  18. The American Dream - Through the Eyes of Mrs. Ron Paul
  19. Ritratto del matrimonio di Ron e Carol Paul
  20. Profilo di Ron Paul
  21. Michael Brendan Dougherty. Lone Star: Maverick Republican presidential candidate Ron Paul finds that being right is the one thing his party won't forgive in American Conservative. 18 giugno 2007. URL consultato il 23 ottobre 2007.
  22. Burton, Danielle. «10 Things You Didn't Know About Ron Paul». U.S. News & World Report, 23 marzo 2007. URL consultato in data 20 dicembre 2007.
  23. Ron Paul, la rivoluzione che ci manca
  24. Il testo del progetto di legge per l'abolizione della Federal Reserve
  25. L'adesione di Ron Paul all'economic revitalization plan
  26. [1]
  27. [2]
  28. http://www.govtrack.us/congress/billtext.xpd?bill=h112-1098
  29. http://libertymaven.com/2011/09/24/ron-paul-holds-hearing-on-legalizing-competition-in-currencies/11885/
  30. http://www.gutenberg.org/files/16783/16783-h/16783-h.htm#2H_4_0253
  31. http://www.thepoliticalguide.com/rep_bios.php?rep_id=47384468&category=views&id=20110228133808
  32. http://www.tampabay.com/news/politics/national/us-rep-ron-paul-cuba-embargo-propped-up-castro/1165236
  33. http://www.huffingtonpost.com/2011/08/15/ron-paul-fringe-candidate-shaping-2012-race_n_926947.html
  34. http://www.thenewamerican.com/opinion/jack-kerwick/9097-the-case-against-ron-paul-is-defeated
  35. Ron Paul wants to cut $1.5 trillion dollars being spent on national security, as well as abolish the department of education
  36. Ron Paul: Abolish The US Department of Education
  37. http://rt.com/usa/news/ron-paul-fema-irene-393/
  38. http://articles.latimes.com/2011/jul/06/news/la-pn-ron-paul-tsa-20110706
  39. In difesa di un nostro inalienabile diritto, Ron Paul
  40. La storia di Ron Paul
  41. Biografia di Ron Paul
  42. Insight on the News di John Berlau, 1997
  43. Articolo del New York Times su Ron Paul
  44. Ron Paul: «Il regno del dollaro è finito Non ci resta che tornare all' oro»
  45. Biografia di Ron Paul della Camera dei Rappresentanti
  46. Republican Liberty Caucus of Florida
  47. Liberty Committee
  48. Partecipazione di Ron Paul alla convention del Libertarian Party del 2004
  49. Judge sides with Clinton
  50. Intervista al fratello di Ron Paul
  51. Foundation for Rational Economics and Education
  52. Il moneybomb del 5 novembre 2007
  53. Il moneybomb del 16 dicembre 2007
  54. Il moneybomb del 16 dicembre sul New York Times
  55. Il moneybomb del 21 gennaio 2008
  56. Il moneybomb del 1º febbraio 2008
  57. Ron Paul terzo nei sondaggi sulle primarie del New Hampshire
  58. La pagina di Google Zeitgeist con i candidati più cercati
  59. L'esclusione di Ron Paul dal dibattito della Fox News e l'ira dei suoi supporter
  60. Fox Channel non inserisce Ron Paul nella classifica dei caucus in Nevada
  61. Il Daily Mirror tralascia Ron Paul alla vigilia del Super Tuesday
  62. Daniel Estulin dichiara l'esistenza di un progetto per l'uccisione di Ron Paul
  63. Possibili sabotaggi contro Ron Paul in Iowa
  64. Possibili brogli in New Hapshire
  65. Video sui possibili brogli contro Paul in New Hapshire
  66. Articolo sui possibili brogli in New Hampshire
  67. Articolo che sostiene che Paul in New Hapshire sarebbe al 15%, e non all'8%
  68. Ufficiale: Si riconteggiano i voti in New Hampshire
  69. Articolo del Corriere della Sera sul riconteggio dei voti in New Hampshire
  70. (15-04-2010) "Rasmussen: Ron Paul Polls Even With Obama for 2012", del 16-4-2010
  71. [Susan Davis, "Ron Paul, Obama in Dead Heat for 2012", Wall Street Journal. del 16-04-2010]
  72. http://www.clandestinoweb.com/sondaggi-da-tutto-il-mondo/337821-usa-con-il-30-dei-consensi-ron-paul-e-la-prima-scelta-dei-repubbl.html
  73. http://voices.washingtonpost.com/thefix/eye-on-2012/tk-wins-cpac-straw-poll-1.html
  74. [3] 'Money bomb' blows up Ron Paul's coffers". politico.com. 2011-02-22. Retrieved 2011-03-08
  75. [4], Lucy Madison (28-2-2011). "Ron Paul and Herman Cain lead the pack in Tea Party Patriots straw poll". cbsnews.com. del 5-04-2011
  76. [5] (14-04-2011) "Ron Paul 2012 Presidential 'Testing The Waters' Organization Launches", The Huffington Post.
  77. [6] Jordan Fabian, "Ron Paul forms 'testing the waters' account", The Hill del 14-04-2011
  78. [7] "Ron Paul kicks off exploratory committee for 2012 bid", MSNBC. Retrieved del 26-4-2011
  79. [8] "Ron Paul officially announces 2012 presidential exploratory committee", The Hill/ 26-4-2011
  80. [9] Alexandra Taylor, "FOX/SC Debate Features Just 5 of 2012 GOP" del 5-5-2011.
  81. [10] Alexandra Taylor, "Ron Paul Moneybomb Reaches $1Mil". del 6-5-2011
  82. [11] Alexandra Taylor, "Ron Paul Moneybomb Reaches $1Mil". del 6-5-2011.
  83. [12] Rep. Ron Paul announces candidacy for president. CNN. del 13-05-2011
  84. [13] Brian Montopoli, "Ron Paul wins Republican Leadership Conf. straw poll; Jon Huntsman second", CBS News. del 19-6-2011
  85. Nevada, 18 luglio 2011: Ron Paul contro l'innalzamento del limite sul debito statunitense nel primo spot radiotelevisivo della sua campagna presidenziale
  86. Ron Paul: convinzione. Spot (della durata di un minuto) per la campagna presidenziale 2012
  87. Ron Paul remains media poison. 15 agosto 2011. URL consultato il 15 agosto 2011.
  88. http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=5vRuy0m7IjA
  89. Michele Bachman Wins Ames Straw Poll. ABCNews.com, 23 agosto 2011. URL consultato il 23 agosto 2011.
  90. http://100gf.wordpress.com/2011/09/18/ron-paul-us-should-withdraw-from-nato-end-war-on-drugs-and-quit-afghanistan/
  91. 91,0 91,1 http://today.msnbc.msn.com/id/44565575/ns/politics-decision_2012/
  92. http://abclocal.go.com/kabc/story?section=news/politics&id=8358669
  93. 93,0 93,1 http://www.examiner.com/independent-in-national/ron-paul-wins-california-straw-poll
  94. http://www.examiner.com/political-buzz-in-atlanta/ron-paul-wins-california-straw-poll-by-15-percent
  95. http://firstread.msnbc.msn.com/_news/2011/09/19/7841383-paul-raises-1-million-in-money-bomb
  96. http://www.marketwatch.com/story/ron-paul-raises-another-1-million-in-weekend-moneybomb-2011-09-19
  97. http://politics.gather.com/viewArticle.action?articleId=281474980326319
  98. http://www.huntingtonnews.net/9617
  99. http://www.sfgate.com/cgi-bin/article.cgi?f=/c/a/2011/09/17/MNRG1L5VGA.DTL

Ron Paul e sostenitori su YouTubeModifica


Ron Paul Nevada GOP Debate - All Questions and Answers - October 18, 201112:21

Ron Paul Nevada GOP Debate - All Questions and Answers - October 18, 2011

Dibattito Repubblicano nel Nevada. 18 Ottobre 2011



Voci correlateModifica

Opere e scrittiModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Predecessore: Membro della Camera dei Rappresentanti per il 14º distretto del Texas Successore: [[Immagine:{{{immagine}}}|30x30px]]
Greg Laughlin 3 gennaio 1997 - in carica I
con
II
con
III
con
IV
con
V
con
VI
con
VII
con
VIII
con
IX
con
X
con
XI
con
XII
con
XIII
con
con
Greg Laughlin {{{data}}} {{{successivo}}}
Predecessore: Membro della Camera dei Rappresentanti per il 22º distretto del Texas Successore: [[Immagine:{{{immagine}}}|30x30px]]
Robert R. Casey 3 aprile 1976 - 3 gennaio 1977 Robert Gammage I
con
Robert Gammage 3 gennaio 1979 - 3 gennaio 1985 Tom DeLay II
con
III
con
IV
con
V
con
VI
con
VII
con
VIII
con
IX
con
X
con
XI
con
XII
con
XIII
con
con
Robert R. Casey {{{data}}} Robert Gammage



Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su Fandom

Wiki casuale