Fandom

Nostradamus Wiki

Vita di Milarepa

817pagine in
questa wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Condividi
Vita di Milarepa
Titolo originale Milaraspa'i Namthar
Autore gTsang-sMyong Heruka
1ª ed. originale 1488
1ª ed. italiana 1966
Genere biografia
Sottogenere agiografia
Ambientazione Tibet
Protagonisti Milarepa

Sul monaco buddista, mistico e maestro yogi Milarepa (circa 1040-1123), la più antica biografia è quella di UgTsang smyon He-ru-ka (circa 1452-1507)[1].

Contenuti Modifica

Il libro racconta la storia di Mi-la-ras-pa, poeta e fondatore di monasteri. Dopo aver praticato la magia nera per vendicare la sua famiglia, egli divenne allievo di Marpa (1012-1096) e si ritirò in meditazione in una grotta sulla montagna dove compose I centomila canti (anch'essi pubblicati da gTsang Heruka)[2][3].

Dall'edizione francese a cura di Jacques Bacot (Le poète tibétain Milarépa, 1925) è stata tratta l'edizione italiana, tradotta per la prima volta in italiano da Anna Devoto e pubblicata da Adelphi nel 1966.

Sulla sua vita, anche Éric-Emmanuel Schmitt ha scritto nwl 1997 una breve biografia[4].

Della Vita, copiata continuamente a mano per secoli, restano quattro fonti xilografiche, indicate da J.W. De Jong con le lettere A, B, C, D:

  • A. edizione sPungs thang (Bhutan), 107 fogli, la più corretta
  • B. edizione bsTan rgyas gling (Lhasa), 116 fogli
  • C. edizione sPo (Khams), 119 fogli, la meno corretta
  • D. edizione bKra shis lhung po, 121 fogli[5]

Tra le edizioni più note restano il lavoro pioneristico di Jacques Bacot (in francese) e W.Y. Evans-Wentz (in inglese), di grande attenzione filologica, sebbene poi integrate con note derivate da studi più recenti.

Adattamenti cinematografici Modifica

Edizioni Modifica

  • (francese) Le Poète Tibétain Milarépa: ses crimes, ses épreuves, son nirvāna, a cura di Jacques Bacot, Paris: Bossard, 1925; Paris: Fayard, 1971
  • (in inglese) Tibet's Great Yogi Milarepa, trad. di Kazi Dawa-Samdup e W.Y. Evans-Wentz, London, 1928, 1951
  • Vita di Milarepa. I suoi delitti, le sue prove, la sua liberazione, a cura di Jacques Bacot, Milano: Adelphi (collana Biblioteca Adelphi n. 11), 1966 ISBN 8845916995
  • Milarepa: il grande yogi tibetano, a cura di W.Y. Evans-Wentz, trad. di Sabatino Piovani, Roma: Newton Compton, 1976
  • (francese) Tsang Nyön Heruka, Milarepa. La Vie, trad. di Marie-José Lamothe, Paris. Éditions du Seuil, 1995 ISBN 202020150X
  • (in inglese) Tibetʼs great yogī Milarepa: a biography from the Tibetan being the Jetsün-Kahbum, or biographical history of Jetsün-Milarepa, according to the late lāma Kazi Dawa-Samdupʼs English rendering, a cura di W. Y. Evans-Wentz, postfazione di Donald S. Lopez, jr, New York: Oxford university press, 2000
  • La vita di Milarepa, a cura di Carla Gianotti, Torino: Utet, 2001 ISBN 8802057222

Note Modifica

  1. Trascritto anche come Tsang Nyön Heruka, Tsangnyon Heruka o Gtsaṅ-smyon He-ru-ka.
  2. I centomila canti di Milarepa, a cura di Roberto Donatoni, introduzione di Fabrizio Torricelli, trad. di Kristin Blancke e Franco Pizzi, Milano: Adelphi (Biblioteca Adelphi n. 425), 2002 ISBN 8845916995.
  3. Le due opere spesso sono state pubblicate insieme, soprattutto in Oriente. Un titolo tibetano che le comprende è rNal 'byor gyi dbang phyug chen po mi la ras pa'i rnam mgur.
  4. Paris: Albin Michel, 1997; trad. di Alberto Bracci Testasecca, Roma: e/o, 2004 ISBN 8876416129
  5. cfr. l'introduzione all'edizione Gianotti.
  6. Autore a sua volta di Milarepa, di Liliana Cavani, Bologna: Cappelli (collana "Dal soggetto al film"), 1974.

Voci correlate Modifica

Collegamenti esterni Modifica

Fonti Modifica

Voce Vita_di_Milarepa di Wikipedia in italiano (base per questa voce, versione di riferimento, aggiornamenti effettuati)




Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su Fandom

Wiki casuale